Posizionamento a pagamento e organico

Se analizziamo con attenzione la pagina dei risultati di una ricerca su Google svolta con qualsiasi parola chiave, riferita ad un servizio o ad un prodotto, geolocalizzata oppure no, notiamo subito che i primi risultati mostrati dalla videata appartengono a siti cosiddetti “sponsorizzati” dal motore stesso di ricerca. Sono facilmente identificabili perché il nome del sito è preceduto dall’etichetta gialla con la scritta Ann. (Annuncio). In pratica Google assegna una posizione privilegiata a tutti quei siti che acquistano delle campagne promozionali di visibilità PPC o CPC in modo diretto o anche attraverso dei rivenditori autorizzati. Avere un sito posizionato in questa parte, ben visibile, dello schermo di qualsiasi dispositivo multimediale, significa che il sito è stato posizionato “a pagamento”e che sono stati quindi investiti dei soldi in una determinata campagna promozionale di acquisto della visibilità di quella ben specifica parola chiave.

Quanto può costare una campagna promozionale?

Per avere un’idea grossolana del costo di questo genere di campagna promozionale, Google mette a disposizione degli utenti registrati a gmail, possessori cioè di una casella di posta con dominio @gmail.com, uno strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Adwords. seo-webmarketingLe tariffe che sono applicate vanno da qualche centesimo ad alcuni Euro per ogni click, se quindi avete un budget economico a disposizione mensile o giornaliero, potete avere una previsione immediata di acquisto personalizzato per poter far visualizzare il vostro sito in cima ai risultati di ricerca, ed è possibile farlo per alcuni giorni oppure preventivare l’acquisto di una campagna promozionale che può durare anche diversi mesi.

Quali sono le alternative?

L’alternativa all’acquisto di una campagna promozionale, è quella di riuscire ad ottenere un miglioramento del posizionamento del proprio sito tra i risultati definiti “organici”, ovvero non influenzati da sponsorizzazioni dirette del motore di ricerca. Per avere una stima dei costi da sostenere è necessario rivolgersi a degli esperti consulenza SEO e di Web Marketing che vi profileranno varie soluzioni per traguardare l’obbiettivo, ovvero come aumentare il traffico dei visitatori del vostro web site, attirando così potenziali nuovi clienti per i servizi o i prodotti che offrite.

Cosa conviene scegliere?

Purtroppo non esiste una risposta definitiva e certa e poi non siamo nemmeno noi quelli deputati a farlo. Ciò che invece possiamo dirvi è che entrambe, se fatte bene, raggiungono lo scopo, nel medio periodo ma spesso anche nel breve; quindi dovete innanzi tutto scegliere se continuare ad essere uno dei pochi visitatori del vostro bel sito o iniziare invece ad avere un ritorno economico dell’investimento fatto, a suo tempo, per realizzarlo affidandovi a dei professionisti seri di Web Marketing e sviluppo siti web e del loro posizionamento.

Ristrutturare l’ufficio

ristrutturazione ufficioÈ noto ormai che l’arredamento di un ambiente, domestico o lavorativo, influisce anche sullo stato d’animo di ognuno di noi: i colori, la luce, la disposizione dei mobili e l’organizzazione dello spazio sono tutti elementi a cui è importante dare attenzione e cura.
Tutti questi elementi acquistano un’importanza maggiore nell’ambiente dell’ufficio, in cui trascorriamo tantissime ore della giornata per svolgere il nostro lavoro. Per questo è consigliabile ristrutturare periodicamente il nostro ufficio.

I colori e la luce

Purtroppo, spesso e volentieri non basta cambiare l’arredamento dell’ambiente, ma occorre una vera e propria ristrutturazione, provando ad adattare gli spazi alle nostre esigenze e a migliorarne la vivibilità.
Un primo passo da compiere consiste nell’osservare i colori e la distribuzione della luce. In particolare, è importante che le pareti non siano dipinte con colori cupi, ma luminosi, chiari e possibilmente caldi, e che le finestre siano abbastanza grandi da permettere il passaggio di una grande quantità di luce naturale. Proprio da questi due punti bisogna partire per la ristrutturazione: trasformare quanto più possibile il buio in luce e convertire gli spazi angusti in spazi ampi.
Uno dei colori ideali per le pareti dell’ufficio è il bianco immacolato. A questo proposito è importante che la tinta mantenga sempre il suo colore originale: è necessario quindi intervenire subito in caso di muffa o tracce di umidità, che rendono l’intero ambiente negativo e vecchio. Per evitare che questo accada, esistono dei trattamenti che aiutano a prevenire questi problemi e che devono essere attuati prima della tintura delle pareti.

Oltre alle pareti, è consigliabile scegliere delle pianelle di colore chiaro per i pavimenti, in modo che anche alla vista, lo spazio sia quanto più ampio possibile. Un’alternativa alle mattonelle chiare è costituita dai materiali naturali, come per esempio il parquet, che offre luminosità, naturalezza e calore all’intera stanza. In questo modo l’ufficio acquista un tocco di familiarità e diventa un luogo accogliente e piacevole in cui trascorrere la propria giornata.
Come è stato anticipato, anche le finestre costituiscono un elemento essenziale: quanto più sono ampie, meglio è. Questo perché è fondamentale che in un ambiente di lavoro penetri molta luce naturale, in modo da non rendere troppo cupa e artificiale l’atmosfera.

Arredamento

Per quanto riguarda i mobili, per sfruttare al meglio lo spazio è conveniente sceglierli di piccole dimensioni o di tipo versatile, in modo da poterne modificare le dimensioni in base alle esigenze.
Infine, un altro fattore fondamentale che deve essere curato per rendere piacevole l’atmosfera dell’ufficio è la temperatura dell’ambiente. Lavorare ad una temperatura ottimale è essenziale per vivere le proprie giornate in armonia. Per questo è consigliabile fornire l’ambiente di un climatizzatore, capace di regolarne la temperatura, sia d’estate che d’inverno.

Con queste piccole accortezze, l’ufficio assomiglierà sempre più a una stanza della nostra casa e trascorrere le nostre giornate lì dentro non sarà poi così male!